image-277
image-629

#GlobalWarming

I cambiamenti climativi sono un problema globale con gravi implicazioni ambientali, sociali, economiche, distributive e politiche, e costituiscono una delle principali sfide per l'umanità.

Articoli e curiosità con un clima che cambia

in un mondo sempre più estremo

Ultimi articoli

 2021 - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy - Cookie Policy - Note legali

Prosegue la DESERTIFICAZIONE in AFRICA: l'Europa compie passi in avanti

2021-01-14 18:51

meteoclima.science

Climatologia, desertificazione, africa, cambiamenti climatici,

Prosegue la DESERTIFICAZIONE in AFRICA: l'Europa compie passi in avanti

Fronteggiare la desertificazione dell'Africa subshariana è una grandissima sfida globale. Il progetto ha più di 10 anni ed è una promessa per l'Africa

Fronteggiare la desertificazione dell'Africa subshariana è una grandissima sfida globale. Il progetto ha più di 10 anni ed è una promessa per l'Africa da tutto l'occidente e l'Europa.

 

Nuovi aggiornamenti riguardano le trattative tra l’Unione Africana e Parigi.

 

Una cortina verde fatta di foreste, praterie, coltivazioni locali ed ecosistemi rigenerati.

Oltre ottomila i chilometri dall’Oceano Atlantico al Mar Rosso definito il grande muro verde, il progetto meraviglioso lanciato dall’Unione africana nel 2007 e sostenuto da tutti i congressi ambientalisti mondiali.

Servirà principalmente per fermare la desertificazione subsahariana del continente, a cui dipende la crisi climatica e a soccorrere soprattutto milioni di vite umane che altrimenti cercheranno di salvarsi altrove, innescando ulteriori processi di migrazione.

Dopo circa 14 anni però al vertice internazionale “One Planet” sulla biodiversità di Parigi il Presidente dell’Unione africana si fa sentire nei confronti dei paesi occidentali.

Solamente quattro milioni d’ettari di terreni sono stati sottratti al deserto rispetto ai cento milioni stimati.

Accusando che l’investimento è ben al di sotto degli impegni prestabiliti.

Il Presidente francese Emanuel Macron conferma la promessa da parte della Francia di investire ben quattordici miliardi di dollari entro il 2030, per ridare oltretutto lavoro agricolo a dieci milioni di africani, e contemporaneamente risparmiare al pianeta duecentocinquanta milioni di tonnellate di carbonio che saranno assorbiti dalle nuove piantagioni.

Il sogno di un’Africa stabile passa dal ripristino degli ecosistemi naturali.

57e4d7424b54ab14f1dc84609629357b1636dce1504c704f742f7dd0914dc15f640-1610646056.jpg

Di mezzo c’è anche il Principe Carlo del Galles a sostenere questo progetto, che ha un interesse per un mondo sempre più verde.

La grande finanza mondiale afferma che il capitale naturale può essere un grandissimo investimento.

La banca europea fa degli investimenti e promette mille miliardi di euro in dieci anni. Come altri investitori mondiali, che puntano a generare un valore per diecimila miliardi di dollari e creare quattrocento milioni di posti lavorativi in tutto il mondo.

Per la salvezza non solo dell’Africa, ma anche dell’Amazzonia e della barriera corallina.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder